Viaggio lento - Slow Festival

Slow Festival, Il viaggio lento, con un laboratorio creativo per viaggi sostenibili e responsabili a cura di Claudio Visentin

Parco Nazionale della Sila, Camignliatello Sede Comunità Montana
Giovedì 25 agosto 2011, 10.00

Scarica il pieghevole di Slow Festival (PDF 1,2 MB)


Viaggio lento - Slow Festival

Museo africano, Verona
Sabato 4 febbraio 2012, h. 9.00 - 13.00

Laboratorio di scrittura di viaggio, con Guido Bosticco, organizzato in collaborazione con la Libreria Gulliver.

Scarica la locandina del laboratorio (formato PDF, 1,4 MB)


Museo africano, Verona
Sabato 17 marzo 2012, h. 9.00 - 13.00

Laboratorio di scrittura di viaggio, con Claudio Visentin, organizzato in collaborazione con la Libreria Gulliver.
Un corso intensivo per imparare a narrare il proprio viaggio, dal racconto al reportage.
Ogni viaggio comincia nell’immaginazione, si svolge nella realtà, continua nella memoria ed è inscindibile dal suo racconto.
La scrittura di viaggio è uno degli strumenti più efficaci per capire e raccontare i luoghi visitati, perché, come scrive Proust, "il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell’avere nuovi occhi".


Villa La Valverde

Villa La Valverde, Verona
21-22 aprile + 5-6 maggio 2012

In cinque anni di ricerca e insegnamento la Scuola del Viaggio ha impostato su nuove basi la riflessione sul viaggio e sulla scrittura di viaggio. Questo laboratorio propone i risultati più significativi di tale percorso.

Il primo week end, che sarà tenuto da Claudio Visentin e Guido Bosticco, getta le basi teoriche della scrittura di viaggio e lavora al miglioramento delle proprie capacità attraverso lo svolgimento e la correzione di diversi esercizi pratici.
Questa fase si conclude con l'individuazione di un progetto personale (racconto di viaggio, reportage ecc., anche riprendendo propri scritti già in cantiere), al quale ciascun partecipante lavorerà nelle due settimane seguenti.

Gli scritti dei partecipanti saranno al centro del secondo week end, con Andrea Bocconi, nell’alternarsi di letture, suggerimenti, correzioni, editing... Scrittura e riscrittura sotto la guida di un maestro del genere.


Villa La Valverde

Villa La Valverde, Verona
26-27 maggio 2012

Il grande poeta ed entomologo J.H. Fabre scriveva che un viaggio nel proprio giardino può essere altrettanto emozionante di un viaggio nella giungla indiana, l’incontro con una mantide religiosa, intenso come quello con una tigre.
Il giardino di una villa cinquecentesca nella campagna veronese sarà per due giorni il teatro delle “cacce sottili” di Stefano Faravelli e dei suoi allievi: la mirabile struttura di un fiore, l’architettura segreta di un albero o di una chiocciola, la furtiva presenza degli abitanti del prato… Armati di taccuino, pennini e acquerelli, gli allievi racconteranno col disegno e la scrittura (i sensibili strumenti del carnet) l’avventura di stupore e meraviglia, accompagnati da un maestro indiscusso del genere.
Il laboratorio è per debuttanti desiderosi di cimentarsi in una tecnica relativamente accessibile, o per consumati frequentatori del genere, desiderosi di confrontarsi con un maestro, ricevere consigli, e scambiare emozioni e idee con gli altri partecipanti.
Agli iscritti verrà comunicato il Syllabus con i contenuti dettagliati del corso.


Carnet di viaggio in un giardino

Scheda laboratorio

Carnet di viaggio alle Fonti del Clitunno
Laboratorio con Stefano Faravelli
Campello sul Clitunno (PG), 22-23 settembre 2012

Stefano Faravelli (1959) è pittore, filosofo e orientalista.
Ispirato da atlanti, enciclopedie , manuali di zoologia e botanica e da lunghi viaggi in Africa, nel vicino, medio ed estremo Oriente, ha risvegliato in Italia l'interesse per il carnet de voyage di cui è il più noto autore italiano. Nei suoi taccuini, frutto di immediatezza e riflessione, si compendiano - espressi con gli strumenti semplici e sensibili dell'acquerello e della calligrafia - il talento, lo studio e la passione. Ha ricevuto un premio speciale alla Biennale du Carnet de Voyage di Clermont-Ferrand ed ha esposto i suoi lavori in varie città italiane ed estere (Londra, Parigi, New York, Gerusalemme, Istanbul...). Nel 2011 è stato invitato ad esporre alla Biennale di Venezia . È autore di varie pubblicazioni che hanno riscosso un crescente successo di critica e di pubblico: 5 carnets di viaggio su Mali, Cina, India ed Egitto (EDT), Giappone (De Agostini) e 5 taccuini di città su Tokyo, Jennè, Cairo, Istanbul e Delhi (Confluencias editorial)
Maggiori informazioni sul suo sito www.stefanofaravelli.it

Il grande poeta ed entomologo J.H. Fabre scriveva che un viaggio nel proprio giardino può essere altrettanto emozionante di un viaggio nella giungla indiana, e l’incontro con una mantide religiosa intenso come quello con una tigre.
Il suggestivo Parco delle Fonti del Clitunno, nella campagna spoletina, cantato da Plinio il giovane e dal Carducci sarà per due giorni il teatro delle “cacce sottili”di Stefano Faravelli e dei suoi allievi: la mirabile struttura di un fiore, l’architettura segreta di un salice o di una chiocciola, la furtiva presenza degli abitanti del prato, l’elegante movimento dei cigni, i riflessi delle acque limpidissime..... Armati di taccuini, pennini e acquerelli, gli allievi racconteranno col disegno e la scrittura (i sensibili strumenti del carnet) la loro avventura di stupore e meraviglia accompagnati da un maestro indiscusso del genere.

Il laboratorio è per debuttanti desiderosi di cimentarsi in una tecnica relativamente accessibile, o per consumati frequentatori del genere, desiderosi di confrontarsi con un maestro, ricevere consigli, e scambiare emozioni e idee con gli altri partecipanti.

Scarica la locandina in PDF (dim. 201 KB)

Scarica la scheda del laboratorio in PDF (dim. 66 KB)


 


Associazione Scuola del Viaggio
via Montevideo 19 - 20144 Milano

Accesso area riservata

Cod. Fisc. 97511340156
Privacy e Cookie
Preferenze Cookie